Readme.it in English  home page
Readme.it in Italiano  pagina iniziale
readme.it by logo SoftwareHouse.it

Compro oro a Roma

Ebook in formato Kindle (mobi) - Kindle File Ebook (mobi)

Formato per Iphone, Ipad e Ebook (epub) - Ipad, Iphone and Ebook reader format (epub)

Versione ebook di Readme.it powered by Softwarehouse.it


Fedor Michajlovic Dostoevskij

Delitto e castigo

Lettera a Michail Nikiforovic Katkov

Mentre viaggiava in Europa con Apollinarija SuslovaDostoevskij perse tuttoil suo denaro al gioco della roulette. Mentre la donna riusciva a raggiungere inqualche modo ParigiDostoevskij rimase bloccato senza denaro in un albergo diWeisbaden per oltre un mesequasi senza mangiare e subendo continue umiliazionida parte del proprietario dell'albergo che gli negava persino la candela perscrivere e che non perdeva occasione per rimproverargli la sua insolvenza. Soloil consenso di Katkov di pubblicare sulla sua rivista Delitto e castigodi cuiqui Dostoevskij gli anticipa la tramalo liberò da quella penosa situazione.

Weisbaden10-15 settembre 1865

Egregio signore Michail Nikiforovic!

Posso sperare di pubblicare un mio racconto sulla Sua rivista "IlMessaggero Russo"?

Lo sto scrivendo qui a Weisbaden già da due mesie lo sto portando atermine adesso. Sarà composto di cinque o sei fogli a stampa. Mi ci vorrannoancora due settimane per finirloma forse anche di più. In ogni caso possodire con sicurezza che entro un mesecerto non piùpotrei farlo pervenirealla redazione del "Messaggero Russo".

L'idea di base del raccontoalmeno per quanto io posso giudicarenondovrebbe trovarsi per nulla in contraddizione con la tendenza della Sua rivistaanzi al contrario. Si tratta del resoconto psicologico di un delitto.

L'azione si svolge al giorno d'oggiin questo stesso anno. Il protagonistaun giovane studente espulso dall'universitàdi estrazione borghesema chevive in condizioni di estrema povertàessendo caduto -per leggerezza e perl'instabilità delle sue convinzioni- sotto l'influenza di certe strane ideeancora "informi"decide di tirarsi fuori d'un sol colpo dalla suadisgraziata situazione. Decide di uccidere una vecchiavedova di un consiglieretitolareche presta denaro ad interesse. La vecchia è stupidasordamalataavidaprende degli interessi degni di un ebreoè malvagia e divora la vitadegli altritormentando la sorella più giovane che le fa da serva."Quella vecchia non serve a nienteperché dunque vive?""E'forse utile a qualcuno a questo mondo?" e così via. Tutte queste domandemettono fuori strada il giovane. E così egli decide di ucciderla per derubarlaallo scopo di dare un po' di felicità a sua madre che vive in provincia e diliberare la sorellache fa la dama di compagnia in casa di certi proprietari dicampagnadalle libidinose persecuzioni che minacciano di rovinarla; e ancheallo scopo di finire l'universitàrecarsi all'estero e in seguitoper tuttala vitaessere irreprensibilmente onesto e inflessibile nell'adempiere al suo"dovere di uomo nei confronti dell'umanità"scopo che naturalmentepotrà "cancellare il delitto"se pure si può chiamare delitto unatto di questo genere compiuto contro una vecchia scioccasordamalvagia emalatache non sa neppure lei perché vive a questo mondo e che forsetra unmese o duesarebbe morta di morte naturale.

Sebbene sia estremamente difficile compiere delitti di questo genereper ilfatto che quasi sempre vengono lasciate allo scoperto delle tracce e degl'indizigrossolanamente evidenti e una quantità di particolari vengono abbandonati alcasotuttavia il giovane riesce a portare a termineper puro casola suaimpresa criminosa rapidamente e felicemente.

Dopodichè passa quasi un mese fino alla catastrofe definitiva. Su di lui nonci sono sospetti e nemmeno ci possono essere. Ed è proprio a questo punto chesi sviluppa tutto il processo psicologico del delitto. Dei problemi insolubilisi pongono all'assassinodei sentimenti inattesi e imprevedibili straziano ilsuo cuore. La verità divina e la legge terrena reclamano ciò che è a lorodovutoed egli si trova ridottoanzi costretto ad autodenunciarsi. Ècostretto a questo passo per poter -anche a costo di morire ai lavori forzati-accostarsi di nuovo agli uomini; il sentimento di chiusura e di separazione neiconfronti di tutta l'umanitàche lo ha assalito subito dopo aver compiuto ildelittolo tormenta troppo. La legge della verità e la natura umana hannoreclamato i loro dirittideterminando in luisenza che quasi egli possaopporsiuna nuova convinzione interiore... L'assassino decide spontaneamente diaccettare il tormento della pena per espiare il suo crimine. Comunque mi riescedifficile chiarire pienamente il mio pensiero: adesso appunto intendoconferirgli una forma artistica in cui esso trovi la sua espressione. Quantoalla forma...

Nel mio racconto c'è inoltre un'allusione all'idea che la punizione cheviene imposta per legge al criminale per il suo delitto in realtà lo spaventamolto meno di quanto s'immaginino i legislatorigiacchè è lui stesso adesigerla moralmente.

Questo fatto io stesso ho potuto constatarlo perfino nelle persone menoevolute e nelle circostanze più volgarie ho voluto esprimerlo proprio in unapersona coltivataappartenente alla nuova generazioneaffinchè quest'ideafosse visibile nel modo più chiaro e tangibile. Alcuni casi che si sonoverificati proprio in questi ultimi tempi mi hanno convinto che l'argomentodel mio racconto non ha nulla di eccentricoe in particolare non presenta nulladi strano il fatto che l'assassino sia un giovane coltivato e perfino dotato dibuone disposizioni naturali. L'anno scorso a Mosca mi hanno raccontato (ed è unfatto accertato) di uno studente che era stato espulso dall'università inseguito alla faccenda degli studenti a Mosca e che si risolse ad assalire unufficio postale e ad uccidere un postino. Inoltre nei nostri giornali si possonocogliere molti segni della straordinaria instabilità delle convinzioni attualiche induce a terribili delitti. (Quel seminarista che ha ucciso una ragazza inuna rimessa con il consenso di lei e che è stato preso un'ora dopo il fattomentre faceva colazionee così via). Insomma io sono convinto che l'argomentodel mio racconto è in certa misura confermato dalla realtà attuale.

S'intende chein questa breve esposizione dell'argomento del mio raccontoio ho trascurato tutto l'intreccio. Posso garantire dell'interesse del mioraccontoanche se non oso esprimere un giudizio sull'artisticità della suarealizzazione. Troppe volte mi è capitato di scrivere delle cose moltomoltobruttee questo perché mi sono troppo affrettato per consegnarle entro iltermine stabilitoe così via. Del resto questo racconto l'ho scritto senzafretta e con grande passione. Mi sforzeròtuttaviase non altro per amorpropriodi portarlo a termine nel modo migliore possibile.

[...]




Google