logo
softwarehouse.it
Classici Greci
Classici Latini
Codici
Fiabe
Filosofia
Gialli
Letteratura Americana
Letteratura Argentina
Letteratura Cubana
Letteratura Francese
Letteratura Inglese
Letteratura Italiana
Letteratura Russa
Letteratura Spagnola
Letteratura Tedesca
Matematica
Poesia
Poesie Portoghesi
Religione
Storie Zen

premium
I libri di Readme su CD
Readme.it in English  Pagina Iniziale Readme.it in English  Home Page

Cerca un' opera

Pagina iniziale
Ricerca
Login
Nuovi autori
Forum
Chi siamo
Mappa del Sito
Guida interattiva


readme.it
Nessuna massima trovato
del 20/04/2014
Il giornalino di Gian Burrasca
di Luigi Bertelli (Vamba)

Era tanto che mi struggevo di avere un giornalino mio, dove scriverci le mie memorie, come quello che hanno le mie sorelle Ada, Luisa e Virginia che tutte le sere prima d'andare a letto, coi capelli sulle spalle e mezzo spogliate, stanno a scrivere delle ore intere.
Non so davvero dove trovino tante cose da scrivere quelle ragazze! Io invece non so più che cosa dire, e allora come farò a riempire tutte le tue pagine bianche, mio caro giornalino? Mi aiuterò con la mia facilità di disegnare e farò qui in fondo alla pagina il mio ritratto come sono ora all'età di nove anni finiti. Però in un giornalino bello come questo bisognerebbe metterci dei pensieri, delle riflessioni...
Mi viene un'idea! Se ricopiassi qui un po' del giornalino di Ada che giusto è fuori insieme alla mamma a far delle visite?
Ecco qui, sono andato su in camera di Ada, ho aperto la cassetta della sua scrivania, le ho preso il suo giornale di memorie e ora posso copiare in pace.
"Oh, se quel vecchiaccio del Capitani non tornasse più! Ed invece, è venuto anche stasera. E' impossibile! Non mi piace! Non mi piace, e non mi piacerà mai, mai, mai... La mamma ha detto che è molto ricco; e che se mi chiedesse in moglie, dovrei sposarlo. Non è una crudeltà questa? Povero cuore mio! Perché ti mettono a tali torture?! Egli ha certe mani grandi e rosse, e col babbo non sa parlare d'altro che di vino e di olio, di campi, di contadini e di bestie; e se lo avessiveduto, almeno una volta vestito a modo... Oh, se questa storia finisse; se non venisse più: mi metterei l'anima in pace... Iersera, mentre l'accompagnavo all'uscio, ed eravamo soli nella stanza d'ingresso, voleva baciarmi la mano; ma io fui pronta a scappare, e rimase con un palmo di naso... Almeno se fosse come il mio caro Alberto De Renzis. Che peccato che Alberto non sia altro che un misero impiegatuccio... Mi fa continuamente delle scenate, e io non ne posso più! Che delusione! Che delusione è la vita... Mi sento proprio infelice!!!..."E ora basta, perché ho empito due pagine.

Ti riapro prima d'andare a letto, giornalino mio, perché stasera m'è successo un affare serio.
Verso le 8, come al solito, è venuto il signor Adolfo Capitani. E' un coso vecchio, brutto, grosso grosso e rosso... Le mie sorelle hanno proprio ragione di canzonarlo!
Dunque io ero in salotto col mio giornalino in mano quando ad un tratto lui mi dice con quella sua vociaccia di gatto scorticato: Cosa legge di bello il nostro Giannino? Io naturalmente gli ho dato subito il mio libro di memorie ed egli si è messo a leggerlo forte davanti a tutti.
Da principio la mamma e le mie sorelle ridevano come matte. Ma appena ha incominciato a leggere il pezzo che ho copiato dal giornalino di Ada questa si è messa a urlare e faceva di tutto per strapparglielo di mano, ma lui duro; ha voluto arrivar fino in fondo e poi serio serio mi ha detto:

- Perché hai scritto tutte queste sciocchezze?

Io gli ho risposto che non potevano essere sciocchezze perché le aveva scritte nel suo libro di memorie Ada che è la mia sorella maggiore e perciò ha più giudizio di me e sa quello che dice.
Appena detto questo il signor Capitani si è alzato serio serio, ha preso il cappello e se n'è andato via senza salutare nessuno.
Bella educazione!
E allora la Mamma invece di pigliarsela con lui se l'è presa con me, gridando e minacciando, e quella stupida di Ada si è messa a piangere come una fontana!
Andate a far del bene alle sorelle maggiori!


  tutti i libri del giorno ...continua    

Ritratto o Maschera

Oscar Wilde Il ritratto di Dorian Gray è uno dei romanzi che danno al lettore qualcosa di nuovo ogni volta che si leggono. Può essere letto da persone di qualunque età e ognuno potrà appassionarsi e trovare quello che cerca.

Ci sono almeno due ragioni per cui questo avviene. Prima di tutto, il Ritratto contiene la summa del pensiero di Wilde, espressa in situazioni, dialoghi e naturalmente le immancabili massime: dalle più improbabili ("La sola differenza fra un capriccio e la passione di una vita è che il capriccio dura un po' più a lungo. ") alle più pungenti e profonde ("Il terrore che ci incute la società è la base di ogni morale").

Per il lettore è una sfida continua tra spunti di riflessione e momenti di comcità, tra denuncie all'ipocrisia e apologia dell'estetica.

In secondo luogo Wilde ha trovato, con il Ritratto di Dorian Grey, alcuni archetipi, principi senza tempo che colpiscono chiunque, in qualunque epoca, come soltanto i grandissimi autori sanno fare.

L'interruzione della morte quotidiana, la maschera perfetta, la ricerca del bello assoluto. Sono temi che, come per Shakespeare, affascinano, rapiscono, commuovono sempre.

Buona lettura


  tutti i temi ...continua    

Readme.it si trasforma

Readme.it è un progetto nato nel 2001, con lo scopo di condividere gratuitamente libri e testi senza diritti d'autore sul Web. Sono passati oltre 10 anni da allora, e in questo tempo il libro si è trasformato, smaterializzato. Sono nati sofisticatissimi lettori ebook, l’anno scorso negli Stati Uniti Amazon ha venduto più libri in formato elettronico rispetto a quelli in formato cartaceo, Google ha digitalizzato milioni e milioni di pagine. Questo dimostra che la visione di Readme.it era giusta, e il futuro del libro passa attraverso il digitale.

A questo punto il progetto di Readme.it di si è trovato di fronte a un bivio: essere abbandonato e lasciato morire lentamente oppure, oppure essere rinnovato, trovando nuove forme per renderlo di nuovo attuale.

Abbiamo scelto di tentare la seconda strada, che passa attraverso due passaggi: il primo, che oggi siamo fieri di annunciare, è la trasformazione di tutti i testi di Readme.it in formato compatibile con i più diffusi lettori ebook: in particolare il kindle di Amazon, iPad e iPhone di Apple, i lettori Sony e gli altri lettori più diffusi.

La seconda fase sarà creare una community: su ogni testo apriremo a commenti, critiche, condivisione di opinioni e creeremo un blog aperto a tutti di argomento letterario, con al centro i testi di Readme.it (arrivati ormai ad oltre 3000). Il tutto gratis e accessibile alla maggior parte dei dispositivi. Le idee sono tante, se riusciremo ad ottenere un buon supporto proveremo a realizzarle tutte.

Se l’idea ti piace, sia i suggerimenti, idee, proposte lascia un commento alla nostra nuova pagina Facebook . Cercheremo di modellare il progetto in base alle proposte.

Come sempre, buona lettura su www.readme.it!

...continua